26-01-2021 09:52:42
Webcam Monte Cetona

Webcam Monte Cetona

Webcam San Pellegrino in Alpe

Webcam San Pellegrino in Alpe

Home Clima Toscana DOPO LA TRAMONTANA ARIA CALIGINOSA, VISIBILITÀ NON BUONA PERCHÉ?

DOPO LA TRAMONTANA ARIA CALIGINOSA, VISIBILITÀ NON BUONA PERCHÉ?

Di solito dopo una forte “tramontanata” come quella dei giorni scorsi, quello che succede è che l’aria si ripulisce e diventa nitida e cristallina. L’irruzione fredda terminata proprio venerdì pare non seguire questo iter perché, ed in molti ce lo avete fatto notare, i cieli della Toscana paiono opachi ed anche l’aria, l’orizzione, appare quasi immerso nella foschia, caliginoso.

Ma perché tutto ciò? E’ normale?

No, non è una condizione normale tanto che anche dalle nostre stazioni meteo posizionate sul territorio regionale abbiamo rilevato dati anomali: un progressivo aumento del valore del PM 2.5. Ma cosa è il PM 2.5? Con questa dicitura si vogliono indicare tutte le particelle di particolato con dimensioni inferiori ai 2.5 micrometri ovvero 2.5*10-6 metri. Si potrebbero genericamente indicare con il termine polveri sottili o particolato sottile, in sostanza è un indice che ci dice quanto l’aria che respiriamo è “pulita” ovvero quanta percentuale di queste particelle contine al suo interno. Il termine di riferimento sono i microgrammi per metro cubo e si definisce una soglia limite quel valore oltre il quale si ritiene che respirare aria con questo particolato sia pericoloso per la salute.

Attualmente in Italia abbiamo come limite di riferimento la soglia di 20 microgrammi per metro cubo. 

Cosa è successo in questi ultimi giorni? Il forte vento da nord est, invece di pulire l’aria e sgombrarla anche dai particolari, ha spinto verso di noi una “nuvola” di particolato agganciata dall’area asiatica e sospinto fino a parte dell’area mediterranea (Vedi mappa in allegato). Anche noi, attraverso le nostre misurazioni abbiamo rilevato un incremento anolamo del particolato: i nostri sensori non urbani, che solitamente non si discostanto dai 12/13 microrammi/metrohanno rilevato picchi di 70/100 microg./mun valore non certo usuale (anzi piuttosto raro da rilevare) specie se associato ad una misurazione post irruzione da nord est.

Ecco spiegato il fatto della caligine presente su tutta la Toscana seppure siano nettamente diminuite le emissioni di inquinanti in atmosfera a seguito del blocco per coronavirus.

Da domani è previsto un rientro a valori più normali anche grazie ai rovesci che dovrebbero ripulire un parte l’aria. 

Considerate che comunque i valori che vi abbiamo sopra riportato e che sono riferibili solo agli ultimi 2/3 giorni sono i valori medi annui che si registrno ad esempio nelle grandi metropoli, in cui quindi tutti i giorni le persone rispirano aria così carica di particolato. 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Più letti

PERTURBAZIONI A RAFFICA: MALTEMPO CHE AFFONDA DA GIOVEDì

IN BALIA DEL FLUSSO ATLANTICO PERTURBATO Si avvia una nuova fase di tempo che sicuramente sarà meno freddo di quanto successo fino ad ora ma...

FREDDO IN ACCENTUAZIONE, ATTENZIONE ALLE GELATE

NELLA NOTTE Vento forte, rovesci anche intensi e neve che è scesa fino ai fondovalle della Garfagnana ed è stata segnalata fino ai 300m sull'Appennino...

METEO LUNGO TERMINE, GLI AGGIORNAMENTI IN VISTA DI FEBBRAIO

COME ERAVAMO RIMASTI CON LE ULTIME INDICAZIONI Ci eravamo lasciati con le prospettive a lunghissimo termine con alcune considerazioni inerenti la possibilità di una nuova...

ALLERTA METEO SULLA TOSCANA: ECCO PERCHE’

GLI EFFETTI DELLA PRIMA DEPRESSIONE DEL FINE SETTIMANA La Protezione Civile ha emesso una allerta meteo che riguarda principalmente il nord della Toscana per rischio...