SCARSE LE PIOGGE CADUTE IN TOSCANA IN QUESTO INIZIO DI PRIMAVERA

TRA LA TERZA DECADE DI MARZO ED OGGI, possiamo dire che le precipitazioni in Toscana sono state decisamente irrisorie per di più in un momento dell'anno in cui dovrebbero invece essere presenti ed abbondanti.

 

Normalmente (ma oramai la normalità climatica si sta perdendo), le precipitazioni del mese di marzo aprile e parte di maggio, sono una preziosa riserva per l'estate che, anche se fosse particolarmente siccitosa, con un buon apporto primaverile limiterebbe i danni.

 

Purtroppo le precipitazioni latitano e sono mancate anche nel mese di marzo, per di più con aria quasi sempre da est nord-est assai più asciutta ed inaridente del respiro umido da ovest.

 

E quindi? Beh aprile ci riserva anche una seconda metà e poi vedremo maggio, tuttavia cominciamo a dare risalto alle opportunità piovose poiché d'ora in avanti saranno assai preziose vista la situazione.

 

Per il momento l'attenzione rimane rivolta al prossimo fine settimana e l'inizio della nuova: è sempre valida l'impotesi di un cambiamento del tempo che dovrebbe presentarsi già sabato con qualche fenomeno modesto e poi rincarare la dose soprattutto lunedì dopo una domenica interlocutoria. A dirla tutta, la depressione non parrebbe di quelle in grado di portare grandi cumulati ma piogge piuttosto deboli anche se abbastanza diffuse. Sarebbe tuttavia già un inizio.